Maria nel Corano

dal sito del Commissariato di Terra Santa di Germania

MARIA NEL CORANO

Maria, la madre di Gesù, è molto apprezzata non solo dai cristiani ma anche dai musulmani. In un articolo nel numero scorso (n. 69, pagg. 112-114) abbiamo affrontato questa grande venerazione che Maria vede conferita nel mondo islamico. Maria ci è stata mostrata come una figura che unisce i cristiani e musulmani.

Questo argomento viene approfondito nel seguente articolo. Vuole affrontare la questione di ciò che il Corano, il libro sacro dei musulmani, insegna con maggior dettaglio di Maria; dato che è già sorprendente l'abbondanza di testi nel Corano che parlano di Maria, e ancora più sorprendente, le somiglianze tra il punto di vista cristiano e il punto di vista musulmano. Tutto quello che possiamo capire da alcuni cristiani illuminati e teologi, non solo come una dichiarazione simbolica, vale a dire che Maria, come Madre di Gesù rimase vergine, ovvero “Ricevette lo Spirito Santo” come è il senso letterale mantenuto nella fede musulmana ed è considerato chiaro insegnamento anche nel Corano. Naturalmente, ci sono differenze significative nelle opinioni di Maria tra la Bibbia e il Corano, cosa che non deve essere trascurata o negata.

Le fonti del Corano

Per noi cristiani non è certo un problema nel vedere la verità dalla nostra parte in queste differenze tra la Bibbia e il Corano, soprattutto perché le dichiarazioni mariane del Nuovo Testamento della realtà storica sono molto più vicine di quelle del Corano.

Il Corano è emerso solo circa mezzo millennio dopo la scrittura del Nuovo Testamento, da cui deriva la nostra conoscenza su Maria. La fonte più ricca è per noi il Vangelo di Luca.

Anche per la storia dell'infanzia di Gesù, in cui Maria ha un ruolo centrale, la sicurezza ci viene dal evangelista Luca precisamente nella sua prefazione al suo Vangelo dove è conservata la tradizione di coloro che da principio ne furono testimoni oculari e ministri della parola, e che ha seguito accuratamente tutto fin da principio (cfr Lc. 1: 2-3).

Da dove quindi  il Corano riprende le sue molte dichiarazioni su eventi biblici e soprattutto su Gesù e Maria? La risposta è semplice: il Corano si vede come un dettato letterale di Dio al suo profeta Mohammed (Maometto). Così, per i musulmani devoti la questione della verità è risolta e quindi superflua la questione delle fonti storiche a cui il Corano attinge. Tuttavia, la questione deve essere posta. Naturalmente, Mohammed aveva una certa conoscenza della fede cristiana, dato che al suo tempo aveva già su una storia di oltre mezzo millennio. Come un commerciante, nei suoi primi anni Mohammed arriva ​​sano e salvo nei suoi viaggi commerciali nei paesi cristiani; anche nell'area metropolitana di Mecca e di Medina, dove la sua vita e il suo lavoro hanno avuto luogo per la maggior parte, vi erano comunità cristiane, con le quali certamente è venuto a incontrarsi con i cristiani. Con i monaci cristiani Mohammed aveva relazioni più strette: è riportato nelle biografie musulmane del profeta che il cugino della sua prima moglie era un cristiano e anche una delle sue donne più tarde era stata cristiana. Quindi è comprensibile che Maometto aveva qualche conoscenza della Bibbia e del cristianesimo, anche se a volte in un po' strano, come quando una volta si è riferito a Maria come sorella di Aronne, che viveva molti secoli prima di Maria, o quando asserisce dei cristiani che hanno tenuto Maria per una delle tre persone divine. Da allora della cristianità è stata offerta una molteplicità colorita ma, senza fare una qualche forma di pietà, non è certa quale chiesa, quale teologia e quali cristiani effettivamente conosceva Maometto.

Alcuni dei testi "mariani" del Corano rivelano una vaga conoscenza della storia dell'infanzia del Vangelo di Luca; così come alcune affermazioni del Corano che riguardano Maria, fanno riferimento ai Vangeli apocrifi (testi, che non rientrano nel canone delle scritture della Chiesa). Ci sono quindi collegamenti con il Vangelo apocrifo di Giacomo e un altro Vangelo detto Pseudo-Matteo.

Seguiamo ora le dichiarazioni del Corano su Maria. La sura lunga n. 19 del Corano è appositamente dedicata a Maria e porta il suo nome come intestazione; Maryam, come il Corano la chiama. Il suo significato Maryam secondo il Corano è "la divina". Anche nella Sura 3, anch’essa abbastanza lunga, è riportato ampiamente di Maria. Porta il nome del padre di Maria, che notoriamente non è menzionato nei testi del Nuovo Testamento ma che nella tradizione cristiana è Joachim: qui nel Corano si chiama 'Imran. Ma in molte altre Sure è fatto riferimento a Maria. Il nome Maria è incontrato nel Corano più volte che nel Nuovo Testamento.

La nascita di Maria

Mentre i Vangeli non dicono nulla sulla nascita e l'infanzia di Maria, solo gli apocrifi ci dicono su di essa ed è raccontata in dettaglio nel Corano. La rappresentazione del Corano è sostanzialmente in linea con il Vangelo di Giacomo. Era nota ai cristiani, con cui Maometto era venuto in contatto. Il padre di Maria è introdotto nel Corano come 'Imran, un nome biblico, che già aveva il padre di Mosè. Tanto vaghe e confuse erano le conoscenze di Maometto del racconto biblico che egli spesso fa di Maria la sorella di Aronne. Anche se l'Antico Testamento conosce realmente una Miriam sorella di Mosè, figlia di Aronne e Amram / Imran, ma questo non ha nulla a che fare con Maria, la madre di Gesù. Nel Corano anche la madre di Maria è citata, ma senza indicarne il nome. Nei testi apocrifi, di supporto alla tradizione cristiana, sono noti come Gioacchino e Anna.

La tradizione islamica dice, come il Vangelo di Giacomo, che i genitori di Maria erano vecchi e senza figli. Un giorno, la vista di un uccello in un albero che dava da mangiare ai suoi piccoli, suscitò il desiderio alla donna di 'Imran di avere un figlio.

Hanno pregato Dio di esaudire il loro desiderio e promettendo di consacrare il bambino al tempio, quando la richiesta sarebbe stata soddisfatta. Il loro desiderio fu esaudito. Così è citato nella Sura 3:35-37:

35 Quando la moglie di 'Imrân disse: "Mio Signore, ho consacrato a Te e solo aTe quello che è nel mio ventre. Accettalo da parte mia. In verità Tu sei Colui che tutto ascolta e conosce!".
36 Poi, dopo aver partorito, disse: " Mio Signore, ecco che ho partorito una femmina": ma Allah sapeva meglio di lei quello che aveva partorito, "Il maschionon è certo simile alla femmina! L'ho chiamata Maria e pongo lei e la sua discendenza sotto la Tua protezione contro Satana il lapidato".
37 L'accolse il suo Signore di accoglienza bella, e la fece crescere della migliore crescita. L'affidò a Zaccaria e ogni volta che egli entrava nel santuario trovava cibo presso di lei. Disse: " O Maria, da dove proviene questo?". Disse: " Da parte di Allah". In verità Allah dà a chi vuole senza contare.

Servono alcuni commenti. La tradizione cristiana non biblica ci dice che Maria cresce come una vergine al tempio di Gerusalemme. L'arte medievale ha scene della vita di Maria, un tratto che è spesso raffigurato. Secondo la tradizione islamica suo padre 'Imran / Gioacchino era già morto prima della nascita di Maria e quindi Zaccaria, suo zio secondo la tradizione islamica, ha preso la tutela della bambina. E 'interessante notare che la madre di Maria ha messo la bambina sotto la protezione di Dio per difenderla da Satana. Secondo la tradizione islamica, ogni bambino che nasce è toccato da Satana e quindi contaminato. Si potrebbe portare in connessione con l'idea cristiana del peccato originale. Maria e suo figlio Gesù sono stati risparmiati da questo contatto con Satana. Questo dice la tradizione islamica di Maria e della sua innocenza infantile; e sempre secondo la tradizione islamica Maria ha conservato questa innocenza per tutta la sua vita. Pertanto è anche una delle persone più perfette. La dottrina cattolica dell'Immacolata, la Vergine Maria preservata da ogni peccato, trova quindi una eco nell’immagine islamica di Maria.

L'annuncio della nascita verginale di ‘Isa’s (Gesù)

Altrettanto chiaramente come nei Vangeli di Matteo e Luca, la nascita verginale di Gesù è testimoniata in quattro Sure del Corano. L'esempio più antico è la Sura 23:50, che rientra nel primo periodo della proclamazione di Maometto alla Mecca.

50 E facemmo un segno del figlio di Maria e di sua madre. Demmo loro rifugio su un colle tranquillo e irrigato.

Questo punto applicato alla teologia islamica è il primo accenno del Corano sulla nascita verginale. Il passo coranico più bello e lungo scritto su "Maryam" è quello dell'Annunciazione e della nascita verginale di suo figlio, nella Sura 19.

Una comparazione dei testi del Corano e della Bibbia può aiutarci a vedere la grande somiglianza, ma allo stesso tempo anche ciò che divide.

Corano — Sura 19:16-21

16 Ricorda Maria nel Libro, quando si allontanò dalla sua famiglia, in un luogo ad oriente.

17 Tese una cortina tra sé e gli altri. Le inviammo il Nostro Spirito, che assunse le sembianze di un uomo perfetto.

18 Disse [Maria]: «Mi rifugio contro di te presso il Compassionevole, se sei [di Lui] timorato!».

19 Rispose: «Non sono altro che un messaggero del tuo Signore, per darti un figlio puro».

20 Disse: «Come potrei avere un figlio, ché mai un uomo mi ha toccata e non sono certo una libertina?».

21 Rispose:«È così. Il tuo Signore ha detto: " Ciò è facile per Me? Faremo di lui un segno per le genti e una misericordia da parte Nostra. È cosa stabilita"».


Luca- 1,26-38

26 Nel sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, 27 a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria.
28 Entrando da lei, disse: «Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te». 29 A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto.
30 L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. 31 Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. 32 Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre 33 e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
34 Allora Maria disse all'angelo: «Come è possibile? Non conosco uomo».
35 Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. 36 Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: 37 nulla è impossibile a Dio».
38 Allora Maria disse: «Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto». E l'angelo partì da lei.

 

Vediamo prima le cose in comune. Anche qui nel Corano non viene dato il nome allo Spirito divino, il Messaggero di Dio che porta a Maria la buona notizia, per cui la tradizione islamica lo identifica come la Bibbia con l'angelo Gabriele. Nella stessa univocità si conosce della verginità di Maria sia nel Corano che in Luca. Così è per la nascita del bambino, che è un miracolo, che può essere portato solo dall’onnipotenza di Dio.

Come differenze, una prima è che nel Corano non vi è alcuna determinazione temporale e spaziale dell'azione. Quando e dove è successo, rimane oscuro. Non è indicato nel racconto del Corano né Betlemme né Nazaret. Ma la differenza fondamentale sta nella caratterizzazione dettagliata del bambino la cui nascita è annunciata a Maria. Per il Corano è un segno di Dio, segno della sua misericordia. Questo non è poco e il Corano e l'Islam hanno un alto apprezzamento di Gesù. Ma ciò che caratterizza questo Gesù nel racconto di Luca, che non solo manca nel Corano ma è anche ferocemente contestato, è che si tratta di Gesù figlio di Dio. Immediatamente nel racconto della nascita di Gesù nel Corano segue il commento polemico:

34 Questo è Gesù, figlio di Maria, parola di verità della quale essi dubitano.
35 Non si addice ad Allah prendersi un figlio. Gloria a Lui! Quando decide qualcosa dice: «Sii!» ed essa è.

Gesù nell'Islam è un Profeta, certamente uno dei più grandi, ma solo un Profeta. Gesù ha portato il Vangelo al mondo. È per questo che i suoi seguaci sono chiamati "proprietari del libro" e anche rispettati in alcuni testi del Corano. Nel  Corano, Gesù, è anche noto come un grande taumaturgo. Come in alcuni vangeli apocrifi, Gesù opera già da giovane sorprendenti miracoli.

Ma della divinità di Gesù il Corano non ne parla con la massima determinazione. Ecco perché egli è solo il figlio di Maria, ma non allo stesso tempo il Figlio di Dio come nella Bibbia. La caratterizzazione di Gesù come figlio di Maria, che spesso si incontra nel Corano, è davvero una indicazione della sua nascita da una vergine, perché anche nel mondo islamico, a quel tempo, la gente veniva qualificata nominando il padre e non la madre.

Ma allo stesso tempo nasconde in questa designazione stereotipata di Gesù come il figlio di Maria, una chiara polemica contro i cristiani che lo adorano come il figlio di Dio. Totalmente inaccettabile è per l'Islam anche il titolo che dà la tradizione cristiana a Maria: Madre di Dio / Theotokos.

Anche se il Corano stesso tace sul luogo e momento dell'Annunciazione, esso si  ritrova nella tradizione islamica ed è collocata nella grotta della Fontana di Silwan a Gerusalemme. Come una vergine del tempio, era uno dei loro compiti portare quotidianamente acqua della fontana. Quando Maria è arrivata una volta lì con la brocca dell'acqua, - aveva 10 o 13 anni ed è stato il giorno più lungo dell'anno - le apparve Djibril (Gabriele) sotto forma di un giovane imberbe con la faccia lucida e capelli ricci, e le annuncia la nascita di un bambino. Maria le espone il suo stupore ma ottiene la risposta rassicurante dell'angelo che il bambino è portato dalla volontà di Dio. L'angelo alitò su di lei e Maria ha concepito il bambino. Così la tradizione islamica.

La nascita di ‘Isa’s (Gesù)

Anche Matteo e Luca riportano molto brevemente della nascita di Gesù ma indicano bene le circostanze di tempo e luogo: Betlemme e il regno dell'imperatore romano Augusto. Solo per inciso, non si deve trascurare il fatto che due dei nostri evangelisti  sono del  tutto privi di un racconto della nascita di Gesù: Marco e Giovanni. Allo stesso modo anche il Corano - e solo in un unico luogo - tratta della nascita di Gesù. La sua redazione, tuttavia, è completamente diversa da quella dei Vangeli. Luogo e ora non sono richiamati. Tutta la tradizione cristiana del Natale cioè gli angeli, i pastori, mangiatoia, grotta, stella e re magi, non è presente per niente nel Corano. Il luogo indicato dal Corano della nascita di Gesù, si trova nella Sura 19 di "Maria". Si trova immediatamente dopo il passaggio relativo all'Annunciazione. Secondo alcune tradizioni islamiche la nascita di 'Isa’s avviene di seguito o almeno poco dopo il concepimento.

Ecco il testo del Corano: Sura 19:22-34

22 Lo concepì e, in quello stato, si ritirò in un luogo lontano.

23 I dolori del parto la condussero presso il tronco di una palma. Diceva: «Me disgraziata! Fossi morta prima di ciò e fossi già del tutto dimenticata!».

24 Fu chiamata da sotto : «Non ti affliggere, ché certo il tuo Signore ha posto un ruscello ai tuoi piedi;

25 scuoti il tronco della palma : lascerà cadere su di te datteri freschi e maturi.

26 Mangia, bevi e rinfrancati. Se poi incontrerai qualcuno,di' : «Ho fatto un voto al Compassionevole e oggi non parlerò a nessuno».

27 Tornò dai suoi portando [il bambino]. Dissero: «O Maria, hai commesso un abominio!

28 O sorella di Aronne, tuo padre non era un empio né tua madre una libertina».

29 Maria indicò loro [il bambino]. Dissero: «Come potremmo parlare con un infante nella culla?»,

30 [Ma Gesù] disse: «In verità sono un servo di Allah. Mi ha dato la Scrittura e ha fatto di me un profeta.

31 Mi ha benedetto ovunque sia e mi ha imposto l'orazione e la decima finché avrò vita,

32 e la bontà verso colei che mi ha generato. Non mi ha fatto né violento né miserabile.

33 Pace su di me il giorno in cui sono nato, il giorno in cui morrò e il Giorno in cui sarò resuscitato a nuova vita».

34 Questo è Gesù, figlio di Maria, parola di verità della quale essi dubitano.

Il fascino e la tenerezza che dona l'immagine musulmana della nascita di Gesù, sono soltanto la palma, sotto la quale Gesù viene al mondo e Maria consola la sua afflizione con datteri dolci, ed il ruscello che dona alla madre e al bambino acqua fresca. Tuttavia, potrebbe questa palma, che unisce il Corano con la nascita di Gesù, essere di ispirazione cristiana. Il Vangelo apocrifo di Matteo riporta che, durante la fuga in Egitto, il bambino Gesù ordinò a una palma nel deserto di curvarsi davanti a lui per dare a Maria dei datteri. Così è anche il racconto sul comando di Gesù alle radici della palma da cui scaturì una fonte per dissetare la Sacra Famiglia. Tuttavia la palma e il ruscello non sono collegati con la nascita di Gesù, ma con la Fuga in Egitto.

Ma anche la storia citata nel Vecchio Testamento di Agar e Ismaele (Gen 21,9-21), in cui l’angelo Agar mostra l'arbusto da cui nasce una fonte, potrebbe essere stato un modello per la redazione del Corano della nascita di Gesù sotto una palma. Altre spiegazioni indicano paralleli nella mitologia greca.

Al miracolo, però, della storia coranica del Natale mette in bocca al bambino Gesù, non  trova eguali nella tradizione cristiana. Maria porta il verginale bambino Isa’s alla sua famiglia e tutti la accusano gravemente di essere una prostituta. Già il digiuno ha dato a Maria la suggestione di una voce misteriosa dopo la nascita, che le dice di non parlare con ogni uomo che incontrerà, che dopo il chiarimento dei commentatori musulmani del Corano, sarà  per prevenire domande invadenti a causa del giovane parto femminile. Infine, il bambino ancora in fasce comincia miracolosamente a difendere la madre dalle calunnie mosse contro di loro. Ma questa auto-presentazione di Gesù è scrupolosamente priva di tutta la parte divina che i cristiani gli attribuiscono: Egli è (solo) "servo di Dio", (solo) "profeta". In questo discorso del fanciullo Gesù emerge evidente della diversità del profeta islamico con una particolarità: “Lui [Dio] non mi ha fatto né violento né miserabile.”

La tradizione islamica accusa i cristiani di aver dimenticato la parte di Gesù nella culla sopprimendo nei loro scritti e nella loro tradizione questa difesa della madre.

 

Il destino di Maria nella tradizione islamica

A differenza della Bibbia, il Corano non contiene sezioni che raccontano una storia coerente. Esso contiene le rivelazioni che Maometto ha ricevuto da Dio nel corso della sua vita. La storia è qui menzionata solo di passaggio. Questo vale anche per la vita di personaggi biblici. Solo singole scene vengono qui raccontate, non la storia della vita nel suo insieme e nessun collegamento con la storia. E non è da aspettarsi che il Corano ci fornisca una visione di tutta la vita di Maria.

Tuttavia, la tradizione islamica dice poi ancora qualcosa circa il successivo destino della Maria menzionata nel Corano. Jean-Mohammed Abd-El-Jali, francescano nativo del Marocco, che era un devoto primo musulmano, poi convertito al cristianesimo e a San Francesco; è stato ed è professore di lingua e arte araba a Parigi. Riassume nel suo libro "Maria nell'Islam" ciò che la tradizione islamica dice sul destino di Maria:

"Maria non è vissuta molto dopo l'ascensione di suo figlio, non più di sei o otto anni; dovrebbe essere morta all'età di 51 anni. Verso la fine della sua vita deve essere accaduto un grande miracolo. Era andata a Roma per predicare a Marut (probabilmente Nerone) ed era accompagnata da dei discepoli, il giovane Giovanni e Schim'un (indubbiamente Simon Pietro si intende). Schim'un come Thaddeus (forse l’apostolo Giuda Taddeo) furono crocifissi a testa in giù. Maria fuggì con Giovanni. Vennero perseguitati; ma la terra si aprì per nasconderli  in modo che potessero sfuggire alla malvagità dei persecutori. Questo miracolo portò alla conversione di Marut."

Anche se gran parte di ciò che l'Islam dice di Maria è riscontrabile, a nostro avviso la leggenda fantasiosa ha poche cose che si collegano con lei. Possiamo essere d’accordo con quello che il Corano cita nella Sura 3:42 :

42 E quando gli angeli dissero: " In verità, o Maria, Allah ti ha eletta; ti ha purificata ed eletta tra tutte le donne del mondo.

Nella spiegazione del rapporto della Chiesa con le religioni non cristiane (Nostra Aetate), il Concilio Vaticano II ha proclamato, 50 anni fa, esplicitamente come Maria sia un nastro che ci collega con i musulmani: "Per quanto riguarda la Chiesa, considera anche i musulmani che adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini ... Gesù, essi non lo riconoscano come Dio, lo venerano come profeta, e onorano la sua Vergine Madre Maria, la chiamano anche a volte con devozione. "

 

 

letteratura

J. M. Abd-El-Jalil, Maria nell'Islam. 1954

L. Hagemann, articoli; Maria nell'Islam-Lexikon v. A. Khoury, 1991, Vol. 2

Neuwirth, Il Corano come un testo della tarda antichità. Del 2010.