tra PACE e SPERANZA

Natale 2012 - dal sito del Commissariato di Terra Santa di Francia

 

di Marc-Antoine Bindler con Caroline Delage a Bethlemme
RAPPORTO - tra pace e speranza, la vigilia di Natale aveva un gusto particolare - Lunedi a Betlemme.

A Betlemme, la vigilia di Natale è sempre un po' speciale ... Ma quest'anno, era, se non un po' più allegro, almeno più verso la speranza. La città culla del cristianesimo, che si trova in Cisgiordania, lunedì ha celebrato il suo primo Natale da quando ha ottenuto la sua classificazione come Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO e dal momento del riconoscimento della Palestina come Stato osservatore alle Nazioni Unite.

La pace ... Per Padre Jamal, certamente, la vigilia di Natale ha un sapore speciale: "Questa è una notte speciale perché c'è speranza per il futuro riconoscimento dello Stato di Palestina alle Nazioni Unite, questo è un nuovo inizio ", spera.

Nella sua omelia durante la Messa di mezzanotte, il patriarca latino di Gerusalemme, accogliendo con favore il voto delle Nazioni Unite, chiama "passo decisivo" verso la pace e la sicurezza per tutti.

Il nuovo sindaco di Betlemme, Vera Baboun, sente come di celebrare due nascite. "In generale, qui si celebra la nascita di Gesù, ma oggi è quella di uno Stato. Si tratta di un passo in avanti che riflette un cambiamento."


... E la speranza. Forse più del solito, molti palestinesi musulmani sono venuti a festeggiare il Natale con i cristiani quest'anno. Tra questi, Tarek, che è venuto da Gerusalemme, che festeggia il suo primo Natale in mezzo a molti pellegrini provenienti da tutto il mondo. Per lui è una serata piena di promesse: "Spero che il prossimo Natale, la Palestina sarà libera. Lasciate che i 6 milioni di rifugiati tornino a vivere in Palestina, il loro paese ..."

La pace e la speranza, questi sono i due messaggi che hanno prevalso nella notte di Natale a Betlemme.